Primo Trofeo Grande Brianza 2013

1° Trofeo Grande Brianza – a cura di Franco Lana

E’ stata la prima prova ufficiale al campo Chiolo di Monza per la stagione di rugby 2013/2014 che vedrà impegnate le formazioni maschili di GBR nei campionati Élite U16 e regionali per la U18 e la Seniores in serie C.  La prima edizione del torneo ha visto partecipare le squadre di Rovato, Union Rugby 96 e Iride Cologno.

Il torneo con la formula di incontri da 25 minuti ha costituito il primo banco di prova per le formazioni di GBR contro avversari di qualità. Buona partecipazione di pubblico nonostante la giornata poco settembrina che ha visto come protagonista un ospite indesiderato: la pioggia.

Si sono salvate dall’acqua solo le squadre U16 in quanto hanno avuto la fortuna di giocare in tarda mattinata. Partenza bagnata invece sia per la U18 che per la seniores impegnata contro Iride Cologno, scese in campo dal primo pomeriggio.

Grande affollamento di pubblico sia in clubhouse sia presso i tendoni approntati per ospitare il terzo tempo dei giocatori. Griglia presa d’assalto dai numerosi supporter che hanno avuto la meglio sulle altrettante numerose salamelle.

Ma veniamo ai fatti sportivi che più ci interessano e cioè alla nuova formazione GBR U18. Squadra che si è rinnovata molto quest’anno con uscite importanti e con nuovi innesti interessanti provenienti dalla U16 Élite di GBR. Nuovo anche il coaching staff che vede come capo Allenatore Ale Cuomo coadiuvato da Riccardo Dodi assistant coach.  Altra bella novità è il rientro di Colzani, dopo il grave infortunio che l’ha tenuto lontano dal campo per quasi due stagioni.

La nuova U18 di GBR si è misurata sul campo contro i pari età di  Rovato, appena retrocessa dal girone élite U20, Union 96 neo promossa in élite U18 e Iride Cologno, rocciosa squadra che milita nei gironi territoriali della Lombardia. Tutte avversarie temibili ed organizzate che hanno dato vita ad un torneo equilibrato ed emozionante.

Il torneo U18 è stato vinto da Rovato, mentre GRB U18 si è piazzata terza alla spalle di Union 96, seconda, e davanti a Iride Cologno, quarta.  Tutti gli incontri sono stati equilibrati e combattuti e il divario dei punteggi contenuti. Ulteriore riconoscimento a GBR l’assegnazione del titolo di MVP del torneo U18 a Paolino Roncaglioni.

Nel primo incontro del torneo U18 GBR si è misurata con i ragazzi di Rovato. Ed è stata subito partita vera. Rovato meglio organizzata ha provato ad impostare il proprio gioco ma GBR per nulla intimidita si è fatta valere sui punti d’incontro e sui placcaggi, spesso raddoppiati, portati con decisione sui ball carrier avversari.

Inerzia del gioco rotta dopo neanche cinque minuti di gioco a causa di una trasmissione approssimativa dell’ovale nella nostra meta campo che coglieva tutta la squadra di GBR in avanzamento. Rovato lesto ad approfittare dell’occasione e prima meta dell’incontro con trasformazione.

GBR non si perdeva d’animo e ricominciava a macinare metri grazie alle percussioni centrali dei giocatori di prima linea che rompevano il placcaggio e andavano oltre il punto d’incontro. Le fasi successive difettavano della necessaria tranquillità e le azioni venivano purtroppo  interrotte per gli in avanti commessi.

Rovato capitalizzava su ogni palla recuperata dalla propria mischia e riusciva a tenere sotto pressione GBR obbligandola a giocare dentro la propria metà campo. GBR contrastava efficacemente le azioni di Rovato ma rovinava tutto con una scarsa disciplina, restituendo palla ed inerzia agli avversari e mettendoli così nelle condizioni di marcare ancora due mete, al 16’ e al 19’, centrando i pali in entrambe le occasioni. Il primo incontro si concludeva con il punteggio di 21 a niente per Rovato.

Nella seconda partita GBR incontrava Union 96, la squadra che la mise fuori dalla corsa dei playoff per la promozione al girone élite U20 della passata stagione. Union subito efficace ad imbastire azioni d’attacco tutte ben contenute da GBR che vuole dire la sua. Si vedono buoni placcaggi ma l’ovale nei punti d’incontro resta quasi sempre dalla parte della Union.

Union che tenta di imporre il proprio gioco nelle mischie e nelle ripartenze dal lancio in touche. Ma GBR fa buona guardia e anzi strapazza ripetutamente la mischia avversaria e i tentativi di carrettino, facendola retrocedere di parecchi metri.

La azioni d’attacco di GBR sono ancora una volta viziate da passaggi approssimativi mal eseguiti e mal ricevuti che consentono agli avversari di evitare guai peggiori e di calciare l’ovale in allontanamento. Tutto questo batti e ribatti si concretizza con la meta dei nostri avversari ancora una volta per la cattiva gestione dell’ovale dentro in nostri ventidue.

Union marca e trasforma al 16’ la meta con cui si aggiudica la partita.

Il terzo ed ultimo incontro vede GBR i campo contro Iride Cologno. GBR riceve il calcio d’inizio e da subito l’impressione di non voler concedere nulla agli avversari. La linea difensiva sale più velocemente delle partite precedenti ad occupare lo spazio. I placcaggi portati ben dietro i punti d’incontro, frustrano sul nascere le iniziative d’attacco di Cologno.

La continua pressione mette in evidenza la gestione approssimativa dei nostri avversari che invece ben si erano comportati in entrambe le sfide contro Rovato ed Union. GBR trova il ritmo e sbaglia meno passaggi. La meta arriva al 10’ dopo una buona percussione centrale e l’apertura sul lato destro del campo a smarcare Colombo che entra in end zone con un saltello di gioia.

Trasformazione non riuscita a Scorza Bel, oggi in versione Capitano e cinque a zero per GBR. Cologno ovviamente non ci sta e prova subito a pareggiare, imbastendo una serie di azioni che coinvolgono entrambe le ali. Ma GBR fa buona guardia e respinge ogni tentativo, riportando ovale e gioco nella metà campo avversaria

GBR segna la sua seconda meta con Parolini ben servito ancora a destra che schiaccia in mezzo ai pali per una facile trasformazione di Capitan Scorzelli.  Cologno si rifà sotto e riesce a segnare la propria meta a tempo orami scaduto senza però riuscire a trasformare. L’incontro termina così sul 12 a 5 per GBR.

Alla sua prima uscita GBR U18 dimostra di avere carattere e di non soffrire di timidezza. La mischia già funziona mentre la touché continua a farci soffrire come l’anno passato. Manca sempre un kicker designato per le trasformazioni e i piazzati. I nuovi ragazzi si sono ben integrati nel gruppo e si percepisce la voglia di tutti di fare bene. Tanti i volti ed i nomi nuovi da conoscere e ricordare.

Molte le cose su cui lavorare a cominciare dalla trasmissione di Mr. Gilbert e dalla sua ricezione. Fondamentale eseguire e ricevere bene. Le percussioni spesso non hanno il supporto necessario e forse questo spiega, in parte, perché l’arbitro ci punisce proprio sui punti d’incontro. Bene i placcaggi portati con la giusta intensità e carica agonistica. Che a volte un po’ si perde, chissà perché, sulle corse centrali dove oggi abbiamo concesso molti metri. E dove invece bisogna punire severamente ogni tentativo avversario.

Mi è piaciuta la voglia e la grinta vista in campo che fanno ben sperare in un buon campionato. Che si prospetta duro con ben tre trasferte in Valtellina, terra di combattenti. A cui aggiungere le due temibili formazioni milanesi, Amatori e GMR, sempre competitive,  il derby con  Seregno, l’altra formazione brianzola, l’antica rivalità con Lecco e l’incognita Como.

Un girone insomma in cui bisognerà giocare sempre con la massima intensità e attenzione per garantirsi un posto ai playoff di aprile. Una partita alla volta, un avversario alla volta: noi ci saremmo. Sempre.

Risultati incontri 1° Torneo Grande Brianza Rugby, Monza 15 Settembre 2013

GBR U18 – Rovato U18: 0 – 21 ( 0 – 3 mete tutte trasformate)

 

GBR U18 – Union Rugby 96: 0 – 7 ( 0 – 1 meta trasformata)

GBR U18 – Iride Cologno: 12 – 5 ( 2 – 1 GBR una meta trasformata; Iride Cologno 1 meta non trasformata)

Formazione GBR U18 15: Paolo Roncaglioni (MVP del torneo);  14 Colombo;  13 Parolini; 12 Bruno; 11 Edo; 10 Larghi; 9 Crippa; 8 Ferraris; 7 Cattaneo (Vice Cap.); 6 Staffa; 5 Colzani; 4 Dumini; 3 Santa; 2 Scorzelli (Cap.); 1 Ristallo; 16 Nicholas; 17 Galbiati; 18 Costa; 19 Rolli; 20 Pellegrini; 21 Nava; 22 D’Ercole; 23 Elemi.

 

Coach: Ale Cuomo,

 

Assistant coach: Riccardo Dodi

 

Mete/punti fatti : 2/12

Mete/punti subiti: 5/33