U14 sconfitta dal Cus Milano

I ragazzi in biancorosso hanno deciso, sabato scorso, di festeggiare in anticipo il Natale regalando al CUS Milano almeno 4 delle 8 mete subìte.

Una partita nelle corde della nostra under 14, ma buttata al vento dopo il primo tempo a causa di amnesie offensive e difensive. In pratica non avevano più voglia di stare in campo.

A quanti non erano al campo sabato il commento potrà apparire duro, ma è quello che hanno dimostrato i ragazzi in biancorosso: non avevano più voglia di giocare.

Presa una meta dopo 2 minuti di gioco il Monza si anima e in 20′ domina campo e avversario portandosi sul 21 a 5, poi a pochi minuti dalla fine del primo tempo subisce la seconda meta del milanesi. Il giocatore in Biancoverde passa zigzagando tra 3 giocatori biancorossi indisturbato e marca per il 12 a 21 e poco prima della fine del primo tempo arriva la terza meta del CUS, la seconda regalata: palla in mano ai monzesi che non avanzano, il pallone viaggia da sinistra a destra senza fare un metro in avanzamento, pallone perso e meta del CUS. 19-21.

Sozzani deve lasciare il campo per infortunio, buona la sua prova a numero 8, Barravecchia lo stesso per un colpo ad un occhio.

La squadra vacilla. i due centri del Monza, che insieme a Raul numero 10 e Calegari estremo, avrebbero dovuto fare la differenza avevano la testa altrove, sterile il loro contributo, palloni persi, male gestiti, placcaggi inesistenti e pochi metri in avanzamento. Bravi gli avversari a sfruttare tutte le palle perse del Monza per marcare mete su mete.

I nostri hanno passato la linea avversaria altre 2 volte nel secondo tempo dimostrando sempre di poter esserci, ma gli altri avevano più fame di vittoria e più voglia di giocare. Peccato. 

Sabato prossimo si gioca a Leno l’ultima partita di questo anno, ci aspettiamo l’under14 biancorossa che eravamo abituati a vedere giocare.

CUS Milano, Rho, Cernusco, Velate queste sono le squadre da battere.

Vincere una partita con 80 punti di scarto vuol dire giocare contro dei birilli, e non servono a nulla se non a vantarsi a scuola il lunedì, ma di rugby in queste partite c’è poco; è quando il gioco si fa duro che i duri cominciano a giocare. Forza ragazzi! 

CUS Milano 53 – Monza 35 

PS complimenti a Federico De Capitani, forse il più piccolo della squadra ma con una grinta e una generosità in campo da leone. Bravo!