GBR U16 Vince col Bonus contro Recco

I Leoni si sbarazzano non senza qualche difficoltà degli Squali di Recco al termine di un buon incontro dove a fare la differenza a favore di GBR sono state la difesa e le individualità. Tribuna gremita anche dai tifosi dei ragazzi di Recco giunti numerosi al Chiolo, accolti da una splendida giornata ottobrina.

E’ coach Valentina, nella sua prima uscita stagionale come head coach sul terreno di casa, a guidare i giovani leoni in sostituzione di Coach Cuomo. Un infortunio durante il riscaldamento pre partita patito da Giacomo Sanders rivoluzione la mischia: Raul si sposta a centro e Pietro Zaza dentro come seconda linea.

Pronti via e GBR a calciare il primo ovale dell’incontro con i ragazzi subito aggressivi nei punti d’incontro. Recco usa il peso di alcuni suoi giocatori per tamponare gli assalti brianzoli e per delle ripartenze vicine alle ruck dove però la difesa di GBR è lesta a contenere e contrastare efficacemente.

Passano appena due minuti che Raoul si infila rapidamente in un buco creato nella linea difensiva ospite per depositare in meta a destra dei pali. Alberto si incarica della trasformazione che però finisce a lato e GBR avanti cinque a zero al minuto 2:50 del primo tempo.

Recco si riorganizza subito e prova a portarsi in avanti con dei calcetti a scavalcare la difesa di GBR. Al decimo minuto Recco usufruisce di un calcio di punizione (placcatore non rotola via) e accorcia lo svantaggio portandosi sul 5 a 3.

È chiara la strategia di Recco: stare attaccati nel punteggio a GBR, scavalcare la difesa con calci a seguire e sfruttare ogni possibilità per colpire con i calci piazzati. Valentina in panca ed i ragazzi in campo capiscono al volo le intenzioni degli ospiti, e salgono ancora di più con la difesa, a colpire profondo i ball carrier avversari depotenziando così i calci che si trasformano in buone piattaforme per il contrattacco manovrato di GBR.

La mischia solida e potente confeziona buoni ovali che vengono smistati al largo per delle giocate veloci sulle fasce laterali con le ali che finalmente corrono per linee verticali e guadagnano terreno. La difesa sulle touche avversarie è solo sufficiente lasciando così a Recco la possibilità di mettere in mostra, in più di un’occasione, una buona propensione ad organizzare dei buoni carretti.

Al 14esimo minuto GBR trova ancora il varco giusto con Jacopo Messina che scatta velocissimo e conclude la sua corsa depositando proprio in mezzo ai pali. Alberto ringrazia e piazza un calcio morbido che porta GBR avanti 12 a 3. Jacopo segnerà altre due mete conquistando così il suo primo “hat trick” stagionale.

Di nuovo Recco riparte all’attacco e sospinge GBR fino dentro la linea dei cinque metri dove si scatena una battaglia tra i due pacchetti di mischia. Il terzo centro avversario arriva fin sotto ai pali e viene imbragato dalla difesa brianzola ma riesce comunque a divincolarsi perdendo però il pallone mentre tenta di schiacciare.

L’arbitro è in cattiva posizione e non vede quello che succede e convalida così la meta al Recco che si riporta ancora una volta sotto a meno due grazie alla facile trasformazione che fissa il punteggio sul 12 a 10 per GBR al minuto 21esimo del primo tempo.

I Leoni colpiti nell’orgoglio ricominciano a ruggire e mettono gli squali nella vasca dentro ai propri ventidue. Vanno a segno ancora una volta Jacopo “Jet Man” Messina al 24 esimo seguito dal compagno di mischia Guglielmo Barbieri a trenta secondi dal fischio di fine primo tempo. Alberto ne mette uno su due a fissare il punteggio parziale di fine tempo 24 a 10 per GBR.

Il secondo tempo si apre con le prime sostituzioni volute da coach Valentina: fuori Pietro Zaza, Boris e Guglielmo Barbieri e dentro Riccardo Viccidomini, Davide Davanzo e Simo Leotta. Anche Recco fa un paio di sostituzioni. Una delle quali rimette in equilibrio il gioco chiuso in mischia dominato per tutto il primo tempo dai ragazzi di GBR.

GBR entra in campo un po’ troppo rilassata a subisce una meta in modo alquanto ingenuo proprio a seguito del calcio di inizio. Se fossimo nella pallavolo potremmo dire che il pallone è caduto in una zona di confine: i due giocatori si guardano un attimo di troppo per decidere a chi spetta prenderla.

Ci pensa un ragazzo di Recco a togliere ogni dubbio con una corsa solitaria in mezzo ai pali. Il calcio di trasformazione gira all’esterno all’ultimo secondo e Recco ricomincia a rifarsi minacciosa. Della serie non si scherza con gli squali. Recco accorcia di nuovo 15 a 24. Ora l’inerzia della gara è passata a Recco che sfrutta appieno i calci a scavalcare la linea con gli estremi di GBR che pasticciano e Recco che placca forte.

GBR in affanno si difende come può e subisce tutta l’aggressività degli ospiti che organizzano una bellissima rolling-maul che viene fermata fallosamente per due volte da GBR. E così all’arbitro non resta altro che estrarre un giallo che spedisce Andre Malandra a scontare un turno extra di riposo lasciando i suoi compagni in uno in meno sul campo e con Recco direttamente nel tinello di casa !

Recco ringrazia e marca al 42 esimo la meta che di fatto riapre l’incontro portandosi sul 22 a 24 e con ancora dieci minuti di superiorità numerica. GBR ancora una volta non si perde d’animo e continua a giocare come nulla fosse successo. Al 44 esimo è Recco che concede a GBR un calcio da buona posizione. Alberto centra i pali e riporta i suoi avanti 27 a 22.

Ma la svolta avviene sul calcio di Recco che restituisce l’ovale a GBR. Jacopo lo acchiappa al volo e parte a tutta. Direzione: area di meta avversaria. Questa volta è Recco che dorme e a Jacopo non resta che correre verso la bandierina a sinistra dei pali. A nulla serve il placcaggio alto dell’ultimo uomo di Recco che non impedisce a Jacopo di schiacciare i meta. L’arbitro sanziona il fallo con una meta tecnica agevolando così la trasformazione di Alberto che porta GBR fuori break 34 a 22 al 45 esimo del secondo tempo.

I ragazzi di GBR addormentano la partita e si stabiliscono a bordo vasca cioè sui ventidue avversari fino al termine dell’incontro, attratti forse dal panorama offerto dalla bellissima giornata di fine ottobre. Concedono solo qualche touche e qualche palla conquistata dalla mischia avversaria. Hanno un guizzo felino alla fine dei tempi regolamentari con una bella aziona manovrata sulla destra dei pali. Ma l’arbitro annulla la meta per degli in avanti commessi e fischia la fine dell’incontro consegnando così la prima vittoria interna col bonus a GBR.

Domenica prossima stop al campionato per i test match che vedranno la nazionale impegnata a ritrovare fiducia gioco e vittoria dopo la lunga striscia negativa di otto perse. Staremo a vedere.

Tornando invece ai nostri ragazzi, la partita disputata con Recco ha svelato alcune caratteristiche importanti delle squadra che sta prendendo forma grazia al sapiente lavoro dello staff tecnico. Forza e tecnica della mischia che finora ha sempre imposto all’avversario di turno la propria supremazia, se non per tutta la durata dell’incontro, per lunghi tratti. Martino Tornaghi, tallonatore, eletto Man of the Match.

Difesa rapida ed aggressiva al punto giusto, capace di colpire efficacemente ben dietro i punti d’incontro. Una certezza. Così come il mediano di mischia e l’apertura che stanno cominciando ad assorbire i complessi automatismi richiesti dal gioco articolato e veloce voluto da coach Cuomo. Bene anche ali e centri con variazioni di gioco offensivo garantite dal numero otto e dalle seconde linee capaci di marcare punti pesanti.

Da migliorare la gestione dell’ovale (troppi i turn over concessi e troppi in avanti commessi sulle e nelle ruck)e la difesa sui calci a scavalcare la linea. Disponiamo di individualità in grado di risolvere la partita e acume tattico per addormentare il gioco confinandolo lontano dalla nostra linea di meta, dove non ci può impensierire o creare problemi. Durante l’inferiorità numerica GBR ha segnato 10 punti subendone solo sette. Il roster è profondo e di buon livello: chi vuole un posto nel quindici partente deve guadagnarselo. E siamo solo all’inizio di un lungo campionato. E noi, ne siamo certi, ne vedremo delle belle !

Ps. E per finire, terzo tempo da standing ovation quello organizzato dai genitori a base di pizzoccheri e l’immancabile ‘nduja … yeah !

GBR U16 Recco U16 34 – 22 (1° Tempo: 24 – 20 ) (Mete: 5 – 3)

Formazione GBR U16: 15 Fede Valtolina; 14 Matteo Leotta; 13 Ale “Red” Fumagalli; 12 Raoul De Filippis; 11 Boris Vartolomei; 10 Cristian Radice; 9 Alberto Ratcliffe; 8 Jacopo Messina; 7 Guglielmo Radice; 6 Andrea Malandra; 21 Pietro M. Zaza; 4 Davide Sanders; 3 Guglielmo Bertoni; 2 Martino Tornaghi; 1 Oliviero Cazzaniga; 16 Giuseppe Indraccolo; 17 Elia Covino; 18 Riccardo Viccidomini; 19 Davide Davanzo; 20 Luigi Calegari; 22 Pietro Bossi; 23 Simo Leotta.

Partita:

1° T: min 2:50 meta GBR n. 12 R. De Filippis (5 – 0); min. 7:00 calcio piazzato Recco (5 – 3); min 14:30 meta GBR. N. 8 J. Messina ( 12 – 3); min. 21:00 meta Recco (12 – 10); min 24:00 meta GBR n. 8 J. Messina ( 19 – 10); min 29:40 meta GBR n. 7 G. Barbieri ( 24 – 10)

2° T: min 31:20 meta Recco (24 – 15); min 41:40 meta Recco ( 24 – 22); min 44 calcio piazzato GBR n. 9 A. Ratcliffe (27 – 22); min 45:00 meta GBR n. 8 J. Messina (hat trick) (34- 22)

Sostituzioni GBR: 2° T min 30:01 OFF n. 6 A. Malandra; n. 11 B. Vartolomei; n.21 P. Zaza; IN n. 18 R. Viccidomini; n. 19 D. Davanzo; n.23 S. Leotta; min. 45:00 OFF n. 2 M. Tornaghi; IN n. 17 E. Covino; min. 52:00 OFF n. 3 G. Bertoni; n. 15 F. Valtolina; IN n. 16 G. Indraccolo; n. 20 L. Calegari; n. 22 P. Bossi

Calci e trasformazioni GBR: n. 9 A. Ratcliffe 1/1 (100%); 2/4 (50%)

Cartellini gialli GBR: min. 40:30 n. 7 G. Barbieri; cartellini rossi: nessuno